Quale università scegliere per trovare subito lavoro 

Sei ad un passo dall’esame di Maturità e non hai ancora le idee chiare sulla scelta dell’Università? Vorresti proseguire gli studi ma hai anche fretta di trovare presto lavvoro?

Benvenuto in questo viaggio alla scoperta delle lauree più richieste per trovare subito lavoro. Se sei un maturando o una maturanda e stai pensando al tuo futuro dopo il diploma, questo articolo fa al caso tuo. 

Qui, ti aiuteremo a schiarire le idee su quale università scegliere per trovare subito lavoro. 

In un mondo sempre più competitivo, è fondamentale fare scelte informate per non perdere tempo prezioso. Continua a leggere per scoprire quali lauree possono essere il trampolino ideale per la tua carriera.

Quale università scegliere per trovare subito lavoro

Per rispondere a questa domanda, utilizzeremo il rapporto AlmaLaurea 2023, che rivela differenze significative nel tasso di occupazione tra le varie facoltà.

Le discipline scientifiche emergono come quelle con le migliori performance occupazionali. 

Il rapporto distingue tra lauree di primo livello e lauree di secondo livello. 

Ad un anno dalla laurea di primo livello, i più occupati risultano essere gli studenti di informatica. Più in difficoltà gli studenti di psicologia. 

Ecco la sintesi in termini percentuali dei laureati occupati a un anno della laurea conseguita nel 2021 in base alla facoltà studiata: 

  1. Informatica e tecnologie ICT: 92,3%
  2. Medico-sanitario e farmaceutico: 89,1%
  3. Giuridico: 81,9%
  4. Ingegneria industriale e dell’informazione: 80,8%
  5. Educazione e formazione: 79,4%
  6. Architettura e ingegneria civile: 75,5%
  7. Agrario-forestale e veterinario: 72,9%
  8. Economico: 72,0%
  9. Scienze motorie e sportive: 71,0%
  10. Scientifico: 69,1%
  11. Politico-sociale e comunicazione: 67,6%
  12. Linguistico: 63,9%
  13. Arte e design: 60,0%
  14. Letterario-umanistico: 58,1%
  15. Psicologico: 55,2%

Questa classifica rappresenta le lauree con il tasso di occupazione più alto a un anno dal completamento degli studi, specificamente per i laureati di primo livello. 

Secondo Almalaurea, ad un anno dalla laurea il 75,4% degli studenti trova lavoro. 

Università per trovare subito lavoro (rapporto Almalaurea)

I dati di Almalaurea mostrano che sul lungo periodo, cioè 5 anni dopo dalla laurea, sono gli studenti di informatica e tecnologie ICT e di Ingegneria industriale e dell’informazione quelli che registrano i più alti tassi di occupazione, pari al 99% e al 98% dei laureati. 

Segue con il 95,4% la laurea nel settore medico-sanitario e farmaceutico. 

Qual è la facoltà che offre più sbocchi lavorativi

Analogamente a quanto rilevato da Almalaurea, le facoltà che creano più occupati ad un anno dalla laurea sono anche quelle che offrono più sbocchi lavorativi. 

Ad esempio, la laurea in Informatica può aprire porte in settori come lo sviluppo software, la cybersecurity, il data analysis e molto altro.

Analogamente, le lauree in ingegneria possono portare a carriere in produzione, design, consulenza e ricerca, a seconda della specializzazione. 

Le lauree mediche e farmaceutiche sono richieste in ospedali, laboratori di ricerca, settore farmaceutico e pratiche private, tra gli altri. 

Architettura e ingegneria civile hanno applicazioni in costruzioni, design urbano, restauro e gestione delle infrastrutture. 

Anche il settore giuridico ha numerosi sbochi lavorativi, aprendo la strada alla carriera da avvocato, o in magistratura, o ancora al notariato, alla consulenza legale, nel settore accademico o nel settore pubblico. 

Sono queste, dunque, le lauree più richieste e che ti permetteranno di trovare lavoro con più facilità. 

Lauree più inutili

Potresti pensare che le facoltà in fondo alla classifica facciano parte delle lauree più inutili. In realtà non è così. 

La misurazione del valore di una laurea esclusivamente attraverso statistiche di impiego immediato è una visione ristretta. Per esempio, lauree in Psicologia, Letteratura o Arte e Design, che si trovano in fondo alla classifica per occupazione a un anno, hanno un impatto significativo che va oltre il primo impiego post-laurea. Questi percorsi di studio affinano capacità di pensiero critico e analitico, creatività e sensibilità culturale, che sono essenziali in molti settori professionali. 

La Psicologia fornisce strumenti per comprendere i comportamenti umani, indispensabili in ambiti come il marketing, la gestione delle risorse umane e il sociale. Il settore letterario-umanistico contribuisce alla capacità di analisi e di espressione, mentre Arte e Design sono la linfa vitale dell’innovazione estetica e funzionale, fondamentale per il progresso in aree come il marketing, la moda e i media. 

Inoltre, queste discipline offrono la possibilità di carriere soddisfacenti e personalmente arricchenti, che possono non essere immediatamente evidenti nei dati sull’occupazione a breve termine.

Quale università scegliere

Scegliere l’università giusta dopo il diploma è un incrocio tra le statistiche e ciò che batte nel tuo cuore. 

Rifletti sulle materie che ti hanno acceso la curiosità e sulle attività che ti hanno appassionato durante gli anni di scuola. Un’università non è solo numeri e tassi di occupazione, ma è anche passione e interesse. 

Guarda all’ambiente universitario, senti se può essere il luogo dove vuoi crescere. Pensa alle esperienze pratiche che potresti vivere, come tirocini e scambi culturali, che possono essere decisivi tanto quanto le lezioni in aula. Utilizza strumenti come i test di orientamento universitario, per avere le idee più chiare. 

Scegliere un’università pensando soltanto alle opportunità lavorative future può essere una strategia azzardata. È vero, un corso di studi con alte opportunità lavorative ti potrebbe aprire molte porte, ma immagina di dover passare anni in un campo che non ti appassiona: potrebbe diventare una vera e propria battaglia quotidiana. E anche una volta ottenuto quel lavoro tanto agognato, se non senti quella scintilla, quella soddisfazione personale, potresti trovarti in una carriera che ti pesa come un macigno. Quindi, ti consigliamo di ascoltare anche ciò che ti rende curioso e vivo, oltre che i freddi dati occupazionali.

Ricorda, l’università è il tuo percorso di scoperta e formazione, non solo un mezzo per arrivare a un lavoro. Ma soprattutto, non vivere l’università come un obbligo! Oggi esistono molti lavori senza laurea che sono ugualmente fonte di soddisfazioni e carriere brillanti. Ti consigliamo di valutarli se senti che l’università potrebbe non essere la strada giusta per te. 

Conclusioni

In conclusione, abbiamo visto che la migliore laurea per trovare lavoro è in informatica, seguita dalle facoltà mediche e giurifiche ma ribadiamo: non esistono lauree inutili. Ogni percorso di studio ha il suo valore unico, sia a livello personale che professionale. 

Quando si tratta di scegliere il percorso universitario, ascolta le tue aspirazioni e i tuoi interessi personali. Questo è il modo migliore per garantirti non solo un futuro professionale, ma anche una carriera che ti appassioni veramente. 

E tu, verso quale ambito ti senti più orientato? Ricorda, scegli con il cuore e con la mente per un futuro soddisfacente. 

Accedi

[mepr-login-form use_redirect="true"]

Registrati

Accedi o Registrati

Il Manuale di Sopravvivenza alla Maturità 2024

Sta per arrivare il manuale che ha aiutato decine di migliaia di maturandi.

Iscriviti alla lista d’attesa per sapere quando sarà disponibile.