Pendolare o fuorisede: tutti i pro e contro

newsletter

Bene ragazzi, per molti di voi tra qualche mese arriverà il momento di iscriversi all’università. E’ quindi arrivato il momento di decidere come frequentare la nostra facoltà: come fuorisede oppure da pendolari? Analizziamo insieme quali siano i pro e i contro, delle due alternative.

Fuorisede

Studiare da fuorisede per molti è la prima grande esperienza di vita lontani dall’ala protettiva della famiglia. Lo so che viaggiate molto e di esperienze fuori casa da soli ne avete già fatte tante, ma questa sarà diversa! Vi troverete ad affrontare da soli imprevisti che non avevate mai considerato e farete amicizia con tanti altri ragazzi e ragazze come voi. Vivere in un’altra realtà ti servirà anche per vedere le cose da un punto di vista diverso, immergendoti per la prima volta in una città diversa, assorbendone le tradizioni, le usanze, le abitudini degli abitanti del posto, i piatti tipici, le festività e tanto altro. Vivendo fuorisede si capisce che il concetto di “casa” è molto importante ma allo stesso tempo è importante anche capire che il mondo è molto diverso da quello che hai visto fino ad ora, soprattutto se hai vissuto in una piccola città.

ticketone

LEGGI ANCHE: “CERCARE ALLOGGIO: 10 CONSIGLI PER I FUORISEDE”

Svantaggi? Ce ne sono diversi. Prima di tutto dal punto di vista economico. Pagare un affitto fuorisede costa molto, e se non è la tua famiglia a pagarti le spese, beh, dovrai trovarti un lavoretto per mantenerti gli studi, pagarti l’affitto, le bollette e le uscite serali. 

Articoli correlati

ticketone

Il secondo svantaggio da studente fuorisede è quello di dover pensare da soli a mandare avanti la casa, faccende, pulizie, spesa, senza contare la preparazione dei pasti. A proposito di casa, c’è un mondo dietro l’affitto di una casa. Un portale che semplifica la ricerca di una stanza o appartamento è Uniaffitti. Senza considerare la situazione coinquilini: a volte ci dice bene e diventano compagni, amici e futuri colleghi, altre volte purtroppo la situazione degenera e ci si vede costretti persino a cambiare casa.

LEGGI ANCHE: “FUORISEDE: LE DOMANDE DA FARE QUANDO VISITI UN APPARTAMENTO”

Pendolari

Fare il pendolare è stancante. Ore ed ore passate in autobus o in treno, spesso ti troverai a partire di casa molto presto e tornerai molto tardi. Insomma, tanto tempo dedicato agli spostamenti. Considera che spesso non dovrai prendere un solo mezzo, una volta arrivato alla stazione centrale della tua città dovrai prendere un secondo mezzo di trasporto, un trasporto urbano, che sicuramente sarà caratterizzato da traffico e costanti ritardi.

Dover adattare la propria vita in base ai mezzi pubblici è senza dubbio un grosso svantaggio, una rottura non indifferente specialmente per un ragazzo di vent’anni. Se poi non riesci a sfruttare il tempo dei trasporti per leggere o studiare, beh allora la situazione potrebbe essere davero scoraggiante.

Come pendolari però c’è un grande vantaggio, il ritorno a casa da mamma e papà, dai fratelli e dalle sorelle, la possibilità di dormire in camera propria, di far fare a mamma il bucato e a papà la cena, di trascorrere il fine settimana con gli amici di una vita. Inoltre abbiamo un notevole risparmio economico: è vero che l’abbonamento ai mezzi pubblici spesso non ha costi indifferenti, ma molto più bassi della vita da fuorisede (affitto+spese+bollette).

Pendolari o fuorisede? Il riepilogo.

Ecco quali sono per noi i pro ed i contro della vita da fuorisede e da pendolari. Se vuoi approfondire la questione o avere il resoconto dei pro e dei contro puoi leggere l’articolo integrale su uniaffitti a questo link.

newsletter

Articoli correlati

Bentornato!

Accedi al tuo account

Recupera la tua password

Inserisci il tuo nome utente o indirizzo e-mail per reimpostare la password.