Collegamenti orale Maturità: la caduta del muro di Berlino

🔥"Il Manuale di Sopravvivenza
alla Maturità 2024"
Tutto ciò di cui hai bisogno è qui: Esempi di Prima Prova & Seconda Prova, 50 Collegamenti per l'orale, Metodo di Studio, PCTO e molto altro ancora...

Pronto per affrontare l’Esame di Maturità 2024? Sei preoccupato per il colloquio orale? Non temere! Il modo migliore per eccellere è affinando il pensiero critico: sarà la chiave che ti porterà a fare i collegamenti interdisciplinari che saranno il cuore di questa parte della Maturità. 

Durante il colloquio, la commissione ti presenterà materiali diversi – testi, foto o opere d’arte – e ti chiederà di esplorarne i collegamenti con diverse materie. Immagina che ti venga proposto di analizzare una foto storica, come quella della caduta del Muro di Berlino. Ecco come potresti approcciare questo tema da molteplici prospettive.

Leggi anche: Orale Maturità 2024: date e svolgimento, la guida completa 

Collegamenti interdisciplinari con la caduta del muro di Berlino

  • Storia: La guerra fredda
  • Letteratura italiana: “Se una notte d’inverno un viaggiatore” di Italo Calvino
  • Letteratura Inglese: “1984” di George Orwell
  • Filosofia: la libertà secondo John Stuart Mill 
  • Diritto: la forma di Stato: differenza tra la Repubblica Federale di Germania (Ovest) e la Repubblica Democratica Tedesca (Est)
  • Economia: il ruolo dello stato nell’economia

Possibile discorso

Il Muro di Berlino, eretto nel 1961, rappresentava molto più di una semplice barriera fisica: era il simbolo tangibile della Guerra Fredda, un confine concreto tra l’Est comunista e l’Ovest capitalista. Questa divisione non solo separava la Germania in due, ma rifletteva anche una frattura ideologica globale tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, le due superpotenze che si contendevano l’influenza mondiale attraverso la propaganda, l’espansione militare e gli alleati politici.

La costruzione del Muro è stata una risposta diretta alla massiccia emigrazione di tedeschi dall’Est all’Ovest, che minacciava di destabilizzare la Germania Est sotto il controllo sovietico. Questa “fuga di cervelli” e la perdita di manodopera qualificata portarono alla drastica decisione di chiudere il confine. La notte tra il 12 e il 13 agosto 1961, Berlino si svegliò divisa, trasformando vite quotidiane in tragedie di separazione familiare e perdita di libertà.

Durante i suoi 28 anni di esistenza, il Muro di Berlino non fu solo una barriera fisica, ma un palcoscenico di tensioni politiche e crisi internazionali, come la crisi dei missili di Cuba, che portarono il mondo sull’orlo di un conflitto nucleare. Il Muro influenzò profondamente la cultura, l’arte e la letteratura, divenendo un simbolo di oppressione ma anche di speranza e resistenza, come dimostrano le numerose opere d’arte che lo ricoprirono, specialmente nella famosa East Side Gallery.

La sua caduta il 9 novembre 1989 fu quindi non solo un momento di gioia e liberazione per i tedeschi, ma anche un segnale del declino dell’influenza sovietica e dell’approccio alla fine della Guerra Fredda. Questo evento portò a profonde riflessioni sulle dinamiche di potere, sui diritti umani e sulla ricerca della libertà, influenzando le politiche globali e il riassetto geografico e politico dell’Europa.

La caduta del Muro di Berlino rappresenta un punto di svolta verso la libertà e la fine delle divisioni ideologiche, tematiche centrali anche in “Se una notte d’inverno un viaggiatore” di Italo Calvino. Questo romanzo di letteratura italiana, con la sua struttura narrativa innovativa e il suo esplorare le libertà dell’autorialità e della lettura, riflette il desiderio di liberazione dalle restrizioni, sia fisiche che metaforiche.

Nel romanzo di Calvino, ogni capitolo inizia un nuovo racconto, interrotto all’apice della trama, costringendo il lettore a passare a una nuova storia. Questa struttura frammentaria non solo sfida le convenzioni narrative tradizionali, ma coinvolge attivamente il lettore in un dialogo sulla natura del raccontare storie e sulla relazione tra l’autore, il testo e il lettore stesso. La ricerca di un finale e la costruzione del significato diventano metafore della ricerca di identità e comprensione nel caos apparente del mondo.

Il protagonista del romanzo, il Lettore, attraversa diverse narrazioni incompiute, simili a come un individuo potrebbe cercare il proprio percorso in un mondo libero dalle divisioni ideologiche imposte. “Se una notte d’inverno un viaggiatore” è un’esplorazione della libertà di interpretazione e della resistenza contro le limitazioni imposte da autorità esterne, proprio come la caduta del Muro ha segnato il superamento di una divisione imposta e la liberazione di potenzialità individuali e collettive.

La caduta del Muro di Berlino simboleggia la fine di un’epoca di sorveglianza estrema e controllo ideologico, temi al cuore di “1984” di George Orwell, tra le opere contemporanee più note della letteratura inglese. In questo romanzo distopico, Orwell immagina uno stato totalitario dove il Grande Fratello osserva e controlla ogni aspetto della vita umana, annientando la privacy e la libertà personale.

🔥"Il Manuale di Sopravvivenza
alla Maturità 2024"
Tutto ciò di cui hai bisogno è qui: Esempi di Prima Prova & Seconda Prova, 50 Collegamenti per l'orale, Metodo di Studio, PCTO e molto altro ancora...

“1984” dipinge un mondo in cui la verità è manipolata e la storia è continuamente riscritta per servire la propaganda del partito. La lingua stessa diventa uno strumento di controllo, con la “neolingua” progettata per eliminare la possibilità di pensiero ribelle. Questo ambiente oppressivo è incarnato da un governo che impedisce qualsiasi forma di dissenso o deviazione dalla norma ufficiale, simile al regime autoritario che costruì il Muro di Berlino per impedire il flusso libero di idee e persone.

Il romanzo di George Orwell offre una critica acuta del potere assoluto e del suo impatto devastante sull’individuo, sottolineando l’importanza della libertà individuale e del coraggio di resistere all’oppressione.

La caduta del Muro di Berlino è emblematica nella lotta per la libertà personale, un concetto centralmente trattato nella filosofia di John Stuart Mill. Secondo Mill, la libertà individuale è essenziale per il benessere personale e il progresso della società. Nella sua opera “Saggio sulla libertà”, Mill sostiene che ogni adulto dovrebbe essere libero di agire come desidera, a condizione che queste azioni non danneggino gli altri.

Mill promuove un’ampia tolleranza delle diverse opinioni e comportamenti, sostenendo che la diversità di punti di vista è fondamentale per il progresso umano. Questa concezione di libertà si contrappone direttamente agli ambienti oppressivi simboleggiati dal Muro di Berlino, dove la libertà di espressione e di movimento erano severamente limitate. Mill avrebbe visto la caduta del Muro come un passo necessario verso la realizzazione della libertà essenziale per l’autosviluppo e l’autoespressione, pilastri del suo pensiero filosofico.

Il Muro di Berlino ha segnato un punto di svolta nel confronto tra due forme di Stato radicalmente diverse: la Repubblica Federale di Germania (Ovest) e la Repubblica Democratica Tedesca (Est). Questo evento ha permesso un’analisi diretta delle differenze nel governo e nell’amministrazione del diritto tra i due sistemi.

La Repubblica Federale di Germania, con una forma di governo democratica e federale, garantiva una vasta gamma di libertà civili e politiche, operando sotto una costituzione che promuoveva il pluralismo politico e la separazione dei poteri. Questo sistema era basato su principi di economia di mercato e garantiva diritti fondamentali come la libertà di espressione, di stampa e di movimento.

Al contrario, la Repubblica Democratica Tedesca era uno Stato socialista sotto il controllo stretto del Partito Socialista Unificato, che limitava severamente le libertà civili e manteneva un controllo capillare su tutti gli aspetti della vita quotidiana. Il governo era fortemente centralizzato, e la prassi legale si basava sull’ideologia del partito, spesso a scapito dei diritti individuali.

La caduta del Muro ha quindi non solo unificato due territori, finora divisi da profonde differenze nelle strutture legali e nelle garanzie di diritto, catalizzando movimenti verso un sistema più aperto e democratico nell’ex Germania Est.

La caduta del Muro di Berlino ha anche messo in primo piano le differenze economiche tra la Repubblica Federale di Germania (Ovest) e la Repubblica Democratica Tedesca (Est), evidenziando l’impatto delle diverse forme di Stato sull’economia.

La Repubblica Federale di Germania aveva adottato un modello economico di mercato libero, con una forte enfasi sul capitalismo. Questo sistema promuoveva l’innovazione, l’imprenditorialità e l’investimento sia interno che esterno, sostenuto da politiche che favorivano la competizione e la privatizzazione. Di conseguenza, l’Ovest godette di una crescita economica significativa e di uno standard di vita più elevato per i suoi cittadini.

Al contrario, l’Est adottò un modello economico centralizzato tipico dei paesi del blocco sovietico. In questo sistema, lo Stato controllava tutte le principali industrie e servizi, limitando la libertà economica e l’iniziativa privata. Le politiche di pianificazione centralizzata impedivano la competizione e l’efficienza, risultando in una stagnazione economica e in carenze di beni di consumo.

Con la riunificazione tedesca seguita alla caduta del Muro, le sfide economiche furono enormi, principalmente nella reintegrazione dell’economia dell’Est in quella più dinamica dell’Ovest. L’adattamento alle pratiche di mercato libero fu difficile per l’ex Est, portando a una transizione economica che richiese significativi interventi statali e investimenti per modernizzare e stabilizzare l’economia della regione.

Conclusioni

Come abbiamo visto, la caduta del Muro di Berlino si estende ben oltre il campo storico, intrecciandosi con diverse materie e argomenti che hai studiato durante il tuo percorso verso l’Esame di Maturità. Questi collegamenti dimostrano l’importanza di un approccio interdisciplinare nell’analisi degli eventi storici. 

Nel “Manuale di sopravvivenza alla Maturità” troverai ulteriori spunti per esplorare e approfondire questi temi, che ti aiuteranno a costruire un discorso completo e coinvolgente per il tuo esame orale, in grado di impressionare la commissione. Ricorda, ogni connessione che stabilisci arricchisce la tua comprensione e preparazione. In bocca al lupo per il tuo esame!

Leggi anche:

🔥"Il Manuale di Sopravvivenza
alla Maturità 2024"
Tutto ciò di cui hai bisogno è qui: Esempi di Prima Prova & Seconda Prova, 50 Collegamenti per l'orale, Metodo di Studio, PCTO e molto altro ancora...

Accedi

[mepr-login-form use_redirect="true"]

Registrati

È ARRIVATOOOO!!! 🤩
Il Manuale di Sopravvivenza alla Maturità 2024 è finalmente disponibile e con lui anche una nuova sorpresa.

Accedi o Registrati

Il Manuale di Sopravvivenza alla Maturità 2024

Sta per arrivare il manuale che ha aiutato decine di migliaia di maturandi.

Iscriviti alla lista d’attesa per sapere quando sarà disponibile.