5. Publio Papinio Stazio

5. Publio Papinio Stazio
🔥"Il Manuale di Sopravvivenza
alla Maturità 2024"
Tutto ciò di cui hai bisogno è qui: Esempi di Prima Prova & Seconda Prova, 50 Collegamenti per l'orale, Metodo di Studio, PCTO e molto altro ancora...

1. La vita

Publio Papinio Stazio nacque a Napoli fra il 40 e il 50 d.C., figlio di un maestro di scuola, che in seguito si trasferì a Roma. Da giovane si cimentò in recitazioni pubbliche e gare poetiche, riscuotendo un notevole successo e guadagnandosi la protezione dell’imperatore Domiziano. Rientrato a Napoli, morì poco prima dell’imperatore, forse nel 96.

Stazio è autore di due poemi epici in esametri, la Thèbais («Tebaide»), composto da dodici libri (per oltre 10.000 versi), pubblicato nel 92, e l’Achillèis («Achilleide»), incompiuto (rimane solo il libro I e l’inizio del libro II). Non ci è giunto invece, in quanto perduto, un poema storico sulle gesta di Domiziano, il De bello Germanico.

Stazio spazia anche al di fuori del genere epico: lui, infatti, è un letterato di professione e scrive versi su commissione. Queste composizioni occasionali sono raccolte nelle Silvae, cinque libri di versi in metri vari, editi gradualmente a partire dal 92 d.C.

2. La poesia epica e la poesia lirica

Se Lucano aveva trattato il tema delle guerre civili, Stazio sceglie le “battaglie tra fratelli” (tema della Tebaide), parlando del conflitto che oppone Eteocle a Polinice, entrambi figli di Edipo. Si tratta di dodici libri che pongono al centro un tema mitologico, dotato di un complesso apparato divino. Se l’epilogo ci parla dichiaratamente di un modello da ricondurre all’Eneide, che Stazio dovrà “seguire a distanza”, il contenuto rende la Tebaide più vicina al Bellum civile di Lucano. Possiamo dire che Stazio prenda da Virgilio solo l’apparato divino dell’opera, ma è il tema negativo a prevalere e che avvicina maggiormente Stazio a Lucano. L’autore, inoltre, concede molto poco alle sfumature psicologiche: Eteocle è il tipo assoluto del tiranno, Tideo è l’incarnazione dell’ira, così come sono schematici anche i personaggi positivi.

Il secondo poema epico è l’Achilleide, il cui giudizio è difficile perché il testo che abbiamo tratta solo delle vicende del giovane Achille a Sciro, dove l’eroe era stato nascosto dalla madre Teti. Il tono dell’opera è più disteso rispetto alla Tebaide, situazione che ha comportato una serie di apprezzamenti giunti dai critici letterari.

Alla produzione epica, si accompagna quella lirica con Silvae, il cui titolo allude alla natura occasionale dell’opera. I componimenti (in tutto trentadue), caratterizzati da un metro che spazia dall’esametro ai versi lirici, sono organizzati libro per libro in serie costruite precisamente, con effetti di variazioni. La struttura dei singoli carmina è caratterizzata da rigorosi schemi tradizionali (per esempio carmi nuziali, di compleanno, epistole poetiche), in cui si evince comunque la formazione retorica dell’autore. Per quanto riguarda i  temi, emerge un’eterogeneità, sebbene siano perlopiù poemetti di ringraziamento o di lode rivolti a patroni e benefattori del poeta, che testimoniano il rapporto che Stazio aveva con i suoi committenti.

🔥"Il Manuale di Sopravvivenza
alla Maturità 2024"
Tutto ciò di cui hai bisogno è qui: Esempi di Prima Prova & Seconda Prova, 50 Collegamenti per l'orale, Metodo di Studio, PCTO e molto altro ancora...

Accedi

[mepr-login-form use_redirect="true"]

Registrati

È ARRIVATOOOO!!! 🤩
Il Manuale di Sopravvivenza alla Maturità 2024 è finalmente disponibile e con lui anche una nuova sorpresa.

Accedi o Registrati

Il Manuale di Sopravvivenza alla Maturità 2024

Sta per arrivare il manuale che ha aiutato decine di migliaia di maturandi.

Iscriviti alla lista d’attesa per sapere quando sarà disponibile.