5. Le reazioni alla filosofia di Hegel: da Kierkegaard a Shopenhauer

5. Le reazioni alla filosofia di Hegel: da Kierkegaard a Shopenhauer

Di cosa parleremo

L’idealismo esercita una profonda influenza sui pensatori successivi a Hegel, suscitando spesso dure critiche e decise opposizioni per quel livellamento del pensiero hegeliano di tutte le differenze che finiva col cancellare la specificità dell’essere umano.

L’accusa principale rivolta ad Hegel è di aver delineato una visione astratta del mondo e della vita umana, inadeguata a spiegare i molteplici aspetti dell’universo. Tutto ciò che accade, infatti, non può essere rigidamente circoscritto solo nell’ottica della razionalità, considerando la ragione (idea) come il fondamento filosofico di tutto.

Ad Hegel, infatti, viene contestata la pretesa di aver teorizzato un sistema oggettivo ed esaustivo che trascura la realtà in tutte le sue manifestazioni, negando, così, l’esistenza dell’azione individuale.

I maggiori oppositori dell’idealismo hegeliano sono Kierkegaard Schopenhauer. I due filosofi si concentrano sulla riflessione sulla condizione umana e sulla ricerca del modo per liberare l’individuo da tale situazione di sofferenza, portando avanti una serrata critica all’astratto ottimismo dell’idealismo.

Il loro pessimismo è lo specchio delle inquietudini dell’epoca ed è un atteggiamento che si pone in contrasto con la visione della vita degli idealisti (Fichte, Schelling, Hegel). L’uno in chiave religiosa (Kierkegaard) l’altro in chiave laica (Schopenhauer) si interrogano:

  • sull’essenza della vita;
  • sul contrasto tra dolore e noia.

In tal modo i due filosofi mettono «in soffitta» la ragione considerata dall’idealismo logico-panlogico hegeliano arbitro assoluto di tutti gli aspetti della realtà che viviamo quotidianamente.

1. Soren Aabye Kierkegaard

Sören Aabye Kierkegaard (1813-1855), originario di Copenaghen e figlio di un agiato commerciante, studiò teologia per un decennio. Il suo lavoro si connota per la decisa opposizione alla identità tra ragione fede sostenuta da Hegel.

Nel 1842 si recò a Berlino per seguire le lezioni di Schelling. Tornato a Copenaghen, si dedicò completamente agli studi ed alla pubblicazione dei suoi libri. A quest’ultimo periodo della sua vita risale la violenta polemica contro la Chiesa ufficiale danese, accusata di tradire, con il suo approccio decisamente mondano, l’autentico spirito del «cristianesimo stabilito» della visione luterana. Non intraprese mai la carriera religiosa che il suo titolo di studio gli avrebbe consentito per continuare la propria indagine filosoficaKierkegaard è un filosofo polemicoanti-sistemicoanti-accademico anti-idealista che può considerarsi padre dell’esistenzialismo per le sue sofferte meditazioni sull’individuo, la ragione e la fede.

Opere principali: Aut-aut (1843); Timore e tremore (1843); Briciole filosofiche, o una filosofia in briciole (1844); Il concetto dell’angoscia (1844); Postilla conclusiva non scientifica (1846); La malattia mortale (1849). Per il clima dei suoi tempi e a salvaguardia della sua esistenza molte delle sue opere furono pubblicate anonime o ricorrendo all’uso di pseudonimi.

La critica al sistema hegeliano. Gli inizi della filosofia di Kierkegaard sono segnati da una dura critica all’idealismo hegeliano.
Il cardine della sua critica ruota soprattutto attorno al concetto di esistenza.

Mentre Hegel si concentra sull’essenza razionale assoluta dei fenomeni, trascurando il singolo individuo per privilegiare una visione generica e astratta dell’umanità, Kierkegaard si rivolge invece proprio al particolare, all’individuale, alla concreta esistenza umana sottolineando l’importanza e l’originalità del singolo visto nel contesto più ampio del genere umano.

Per Kierkegaard Hegel ha livellato tutte le differenze interindividuali, dando, così, assoluta priorità alla «massa indistinta» rispetto al singolo individuo.

Kierkegaard, al contrario, sostiene la priorità dell’esistenza rispetto alla ragione, la possibilità di scelta del singolo rispetto alla logica astratta e opera, così, una rivalutazione del libero agire umano che, nel suo vivere la realtà, va incontro ad un indefinito numero di possibili scelte individuali che sono alla base del comportamento umano. Ad ogni istante della sua vita, infatti, l’individuo è chiamato a scegliere tra opzioni diverse che lo pongono costantemente di fronte all’angoscia di compiere la scelta sbagliata. È questa totale apertura verso il possibile, e non il ferreo cammino dell’idea hegeliana (guidata dalla «dialettica») verso l’assoluto, a costituire in Kierkegaard l’aspetto fondamentale della visione antropologica della sua filosofia.

Lo stadio estetico. Nell’opera Stadi del cammino della vita, Kierkegaard distingue tre condizioni possibilità esistenziali fondamentali, cui dà il nome di stadi e che sono definite come: stadio esteticostadio etico stadio religioso. Tali stadi non sono presentati in forma dialettica, ma sono l’uno alternativo all’altro (aut – aut, l’espressione che dà il titolo alla sua opera più importante).

Lo stadio estetico si fonda sul piacere ed è incarnato dalla figura del seduttore. La vita estetica appare infatti interamente rivolta al desiderio e al godimento dei sensi.

Il seduttore si immerge nella sfera della sensualità: per questo il personaggio che meglio lo rappresenta è il Don Giovanni di Mozart. Come la musica, la seduzione è permeata dall’elemento dell’immediatezza e dalla spontaneità: il seduttore non compie mai una scelta definitiva e la sua visione del mondo è espressa dall’antico motto oraziano del «carpe diem».

La vita dell’esteta rappresenta, così, una successione ininterrotta di istanti indipendenti gli uni dagli altri: costui passa da un’esperienza all’altra senza che la precedente possa lasciare una significativa traccia su quella successiva, senza, dunque che la sua esistenza possa disegnare una «storia» o tenere memoria dell’accaduto.

Tuttavia, proprio a causa dell’assenza di un centro unificatore dell’esistenza, l’esito finale dello stadio estetico non può che portare alla disperazione e l’impotenza, e cioè alla presa d’atto dell’assoluta vanità vacuità di ogni esperienza umana. Si tratta, in sintesi, dell’inevitabile stallo causato dalla finitezza e dalla limitatezza che caratterizza ogni essere umano. Ciò può spingere l’esteta ad operare un salto verso un tipo di vita superiore, una dimensione dominata da principi completamente estranei alle regole dell’estetica: lo stadio etico.

Lo stadio etico. Lo stadio etico si fonda sulla scelta di perseguire il proprio dovere e trova la sua migliore rappresentazione, secondo Kierkegaard, nell’istituto del matrimonio, oppure, a livello più generale, in uomini la cui esistenza è totalmente immersa nelle sfere della famiglia, dell’attività professionale e della fedeltà allo Stato.
Se l’esteta trascorre il suo tempo di istante in istante senza impegnarsi mai in «nulla», la vita dell’uomo etico risulta invece segnata sempre da una «scelta» meditata e consapevole.

In primo luogo, l’uomo etico compie una scelta orientata al sacrificio e al compimento del dovere; in secondo luogo, una volta scelta una certa moglie, una certa occupazione etc., l’uomo conferma ad ogni istante la sua opzione e vocazione, ribadendo per il futuro ciò che ha già scelto.
Un limite di fondo, tuttavia, sembra segnare anche la retta vita etica. Seguendo questo cammino, infatti, l’individuo per sentirsi bene con se stesso non può che tendere verso Dio. Ma poiché di fronte a Dio l’unico sentimento possibile è quello del riconoscimento della propria inadeguatezza umana, e, quindi, cristianamente della «propria» colpevolezza originale e del peccato che ciascuno scopre quando sente Dio, l’esito estremo della vita etica è il pentimento.

L’«uomo etico” viene posto di fronte al peccato originale, che non costituisce una categoria etica, ma una determinazione religiosa.

Lo stadio religioso. Attraverso il pentimento l’uomo esce così dalla sfera dell’etica e entra in quella più autentica della religione. Anche in questo caso il passaggio non è logico, poiché implica un salto ancora più radicale di quello che scindeva la dimensione etica da quella estetica.
La scelta di «abbracciare la fede» è una decisione individuale che apre e determina un rapporto problematico tra uomo Dio. Si tratta infatti di un passaggio «irrazionale», che prevede un salto emozionale e illogico dalla ragione verso la fede, fino alla presa di coscienza dell’Universale.

Lo stadio religioso è descritto in «Timore e tremore», opera che già nel titolo esprime la natura dolorosa e sofferta dell’atteggiamento religioso nei confronti della trascendenza.

Rispetto alla vita sociale ed al mondo di regole di comportamento e convivenza che essa comporta, l’uomo di fede è infatti assolutamente solo: il suo unico rapporto si svolge con un «salto di fede» verso Dio, non più con gli «altri» o con le «leggi» o con la «famiglia».

La dimensione religiosa comporta una sospensione dell’etica condivisa, poiché essa si centra esclusivamente sull’adesione cieca alla volontà di Dio, una volontà inconoscibile e persino «divergente» dalle comuni leggi umane.

La figura emblematica di questa condizione è infatti quella di Abramo, l’uomo che per obbedire a Dio è pronto a sacrificare Isacco, suo unico figlio. Sul piano etico egli sarebbe addirittura da considerarsi un potenziale assassino. La sua unica giustificazione nell’uccidere Isacco risiede infatti, come è evidente, non nelle leggi, ma nella suprema volontà di Dio che si esprime attraverso il rapporto del tutto interiore tra l’uomo Abramo e la divinità. Nessuno può capire un gesto simile sulla base delle regole umane, ed egli stesso non può essere certo di non sbagliare: la fede si svela, dunque, sotto l’inquietante segno del rischio individuale assoluto.

Angoscia* e disperazione. La possibilità, per Kierkegaard, è la categoria fondamentale dell’esistenza.
Ma «possibilità» significa anche «condizione di insicurezza», di inquietudine e di travaglio interiore di fronte alla scelta, cioè alla situazione di angoscia cui è condannato l’individuo libero di agire e di pensare.

L’angoscia è identificabile come una «vertigine» che proviene dalla possibilità data dalla libertà. Il singolo kierkegaardiano acquista la coscienza che tutto è possibile: ma quando tutto è possibile, in realtà, è proprio come se nulla fosse possibile.

La possibilità non si riveste solo di positività (di apertura, di libertà), non è solo la possibilità della fortuna, della felicità e così via: è anche e soprattutto la possibilità dello scacco, dell’errore, la possibilità del nulla.

L’angoscia è l’impossibilità di prevedere la conseguenza del libero agire in un mondo in cui nessun individuo sa che cosa accadrà nel futuro. È, cioè, la stessa sensazione provata da Adamo che ignora in che cosa consista la conoscenza, e dunque, l’alternativa tra il bene e il male.

Questa angoscia, insita nell’individuo, appare in Kierkegaard strettamente connessa alla categoria della disperazione, l’autentica «malattia mortale» di cui tratta l’omonimo libro e di cui l’individuo, una volta preso atto della sua condizione di limitatezza, cerca disperatamente di sbarazzarsi.

In particolare, l’angoscia, che è la condizione che caratterizza l’essere umano, è radicata soprattutto a livello dei rapporti tra il singolo e la realtà esteriore, tra il soggetto e i fenomeni; la disperazione, invece, riguarda il rapporto con se stessi, con la propria interiorità. La disperazione è segnata dalla presa di coscienza che la possibilità dell’io si traduce sempre necessariamente in una impossibilità di fondo, carattere inscindibile dalla natura umana.

Attraverso la disperazione, Kierkegaard ci mostra una penetrante analisi psicologica delle dimensioni in cui l’io individuale (in contrasto con l’io di Fichte) sperimenta il fallimento delle sue opzioni esistenziali.

La fede. All’angoscia ed alla disperazione si sfugge solo attraverso la fede, ovvero con l’ultimo salto qualitativo dei tre stadi già citati. Svanisce con ciò l’angoscia del possibile, poiché il possibile è nelle mani di Dio. Viene superata la disperazione della propria impossibilità, poiché il soggetto scopre di trovare in Dio l’estrema sicurezza. Sempre fedele alla sua «dialettica paradossale», Kierkegaard ritiene che anche questo estremo passaggio alla fede sia privo di mediazione, e sia quasi irrazionale.

La fede è un assurdo filosofico perché non può essere dimostrata per mezzo di analisi storiche e filologiche, né può fondarsi su una filosofia speculativa che la riconduca ad una pura proiezione della ragione umana.

La fede è piuttosto il risultato di un atto esistenziale obbligato e paradossale attraverso cui l’uomo rinuncia ad ogni tentativo di comprensione razionale, accettando l’assurdo. L’essenza intima della fede non è una verità oggettiva, determinabile con gli stessi strumenti di indagine con cui si analizza un fenomeno naturale o un problema matematico. Essa è interamente soggettiva, non relativa e variabile, ma fondata esclusivamente sul rapporto tra singolo soggetto e rivelazione divina.

2. Arthur Schopenhauer

Vita e opere

Arthur Schopenhauer (Danzica, 1788-Francoforte, 1860) frequentò i corsi di G.E. Schulze a Göttingen e a Berlino quelli di Schleiermacher e Fichte e si interessò, tra l’altro, anche di filosofia orientale.

Si laureò in filosofia a Jena nel 1813. Ottenuta la libera docenza nel 1820 a Berlino, lasciò l’insegnamento per via dello scarso seguito che ebbero i suoi corsi (tenuti nello stesso orario di quelli di Hegel).

Dopo aver viaggiato, decise di abbandonare definitivamente la vita accademica e dal 1833 si stabilì a Francoforte. La sua opera più importante è Il mondo come volontà e rappresentazione (1819, riedizione nel 1844 con un volume di supplementi), inizialmente non ebbe grosso successo. La sua fortuna letteraria crebbe con la pubblicazione nel 1851 dei Parerga e paralipomena, scritti diversi di filosofia, letteratura, diritto, composti con uno stile brillante e accessibile a tutti.

Tra gli altri suoi scritti ricordiamo: Sulla quadruplice radice del principio di ragion sufficiente (1813), Sulla volontà della natura (1836), I due problemi fondamentali dell’etica (1841).

Il dualismo filosofico. Schopenhauer, considerato iniziatore dell’irrazionalismo moderno, si oppose al «monismo idealista» di Hegel, affermando che la «realtà è priva di razionalità e non è indirizzata ad un fine ultimo». Il filosofo di Danzica ritorna al discorso filosofico in termini dualistici (come Kant aveva fatto distinguendo tra fenomeno noumeno) considerando il mondo sia come volontà che rappresentazione.

Il mondo come rappresentazione. Schopenhauer si considera, dunque, erede di Kant e per comprendere il suo pensiero, occorre rifarsi alla distinzione kantiana tra fenomeno noumeno (e tra conoscere pensare).
Per Kant il nostro modo di conoscere è legato ai dati dell’esperienza e, quindi, a ciò che si presenta alla nostra sensibilità, mentre di quello che non è oggetto di esperienza non possiamo sapere nulla: possiamo conoscere l’oggetto così come ci appare (fenomeno), ma ci è preclusa la conoscenza di ciò che l’oggetto è in se stesso (la «cosa in sé», il noumeno).

Questa visione suggerisce l’idea che il mondo conosciuto o fenomenico non comprende tutta la realtà; esiste, infatti, un mondo «noumenico», che in qualche modo sta dietro ciò che non ci appare ed è in relazione con esso e che si può solo pensare, ma non conoscere perché il fondamento di tale conoscenza non è spiegabile.

Come per Kant, anche Schopenhauer intende il mondo come «rappresentazione», cioè, considerato dal punto di vista del soggetto.

Si riducono le dodici categorie kantiane a una sola: la causalità. Le cose sono «reali» in quanto si trovano in una concatenazione di cause ed effetti, la cui struttura è prodotto del soggetto. Infatti, mentre in Kant spazio tempo sono le forme a priori dell’esperienza umana e sono concetti partoriti dalla

nostra mente, in Schopenhauer spaziotempo causalità esistono solo all’interno della rappresentazione* che è il rapporto del soggetto all’oggetto che si estrinseca nell’atto conoscitivo; l’oggetto, cioè, esiste per l’azione conoscitiva del soggetto.

«Causalità» e «necessità» non appartengono, quindi, né solo al soggetto (idealismo) né solo all’oggetto (materialismo), ma alla relazione tra i due, alla rappresentazioneil mondo altro non è che una nostra rappresentazione.

Soggetto” e “oggetto” sono termini correlativi:
tutti gli oggetti sono oggetti per un soggetto e tutti i soggetti sono soggetti che conoscono oggetti. All’interno della rappresentazione vige il principio di ragion sufficiente*, secondo il quale ogni cosa deve avere un fondamento o una ragione per esistere così com’è. Il mondo della rappresentazione e dei fenomeni ci appare quindi come un rigoroso sistema di nessi.
In particolare, la «causalità» alla luce del principio della «ragione sufficiente» si fonda su quattro radici:

  • il divenire che è la causalità fisica tipica delle cose naturali;
  • il conoscere che è il nesso tra premessa conclusioni;
  • l’essere come momento unificante degli eventi;
  • l’agire che rappresenta il legame tra «azione» e «motivazione».

Questi «attributi» non si riferiscono all’oggetto (idealismo) né al soggetto (materialismo) ma alla rappresentazione, che abbraccia contemporaneamente il soggetto e l’oggetto: essa non è vera in assoluto, ma è vera così come «appare».

La volontà e la condizione umana. Riguardo alla realtà noumenica kantiana, (che si chiama “volontà”) anche se non può mai essere conosciuta nella sua oggettività da parte dall’essere umano, si possono, comunque, riscontrare alcune esperienze a livello fenomenico che danno all’uomo la possibilità di «scorgerne» la natura, oltre il «velo» delle apparenze, ciò che Schopenhauer, recuperando un termine dalla filosofia buddista, chiama Velo di Maja.

Per la filosofia orientale, si tratta di un velo che copre il vero volto delle cose, nascondendo allo sguardo dell’uomo la realtà vera e profonda delle cose.

La chiave verso la conoscenza della natura interna del mondo è rappresentata dal proprio corpo: tutti gli altri oggetti si conoscono solo dal di fuori, come entità esistenti nello spazio e nel tempo di cause ed effetti. Il corpo di ciascuno, invece, si conosce anche da dentro, introspettivamente mediante le sensazioni di piacere e dolore.

Scrutando il mondo della rappresentazione dal «dentro» ci si libera del filtro dello «spazio» e in parte della causalità (anche se non del tempo), per questo, attraverso il corpo, il soggetto può cogliere quello che sta al di dietro della rappresentazione e scopre che sotto il «velo» c’è la volontàdesideraretendere, aprirsi a tutte le varietà di affetti ed emozioni, piacere e dolore, che conducono all’azione o la inibiscono.

Mentre la rappresentazione è determinata da spazio, tempo e causalità (principium individuationis, che isola i singoli fenomeni) ed è regolata dal principio di ragione, la realtà noumenica è fuori dal modo umano di conoscere; dunque è volontà unica e irrazionale. L’intero mondo fenomenico è la manifestazione di una singola, indifferenziata, «cosmica», volontà. L’intera natura, organica e inorganica, è il teatro nel quale si manifesta la volontà universale.

Questa volontàprincipio unitario e irrazionale, individuandosi ed oggettivandosi nei singoli esseri umani, diventa anche principio di lotta: perenne inseguimento dell’appagamento del desiderio e conflitto tra gli individui.

La natura umana, dunque, è in una condizione di continua tensione desiderio, a causa di un vuoto primordiale che l’individuo cerca in tutti i modi di colmare trovandosi, di fatto, in una condizione individuale estremamente spiacevole.

bisogni e voleri degli individui sono generalmente in conflitto tra loro e ciò ne rende difficile la realizzazione, ma anche la loro soddisfazione è solo un piacere momentaneo, che lascia subito il posto a numerosi altri desideri e, dunque, di nuovo all’insoddisfazione.

D’altra parte, in assenza di questa continua tensione interiore, l’individuo verserebbe in uno stato di noia, meno piacevole dell’usuale insoddisfazione.

Tutte le cose, dunque, sono così immerse in una sofferenza senza ristoro, per via dell’inseguimento incessante della soddisfazione di desideri e bisogni e degli ostacoli che a questa si presentano.

La soddisfazione che sopraggiunge al raggiungimento dello scopo fa tacere il dolore, lasciando però il posto alla noia. La vita è dunque un pendolo in continua oscillazione tra dolore noia, stadi intervallati solo da brevissimi momenti di piacere.

Queste affermazioni (il noto pessimismo di Schopenhauer) non sono basate su considerazioni intimistiche o psicologiche, ma sulla convinzione metafisica che la volontà sia la natura essenziale dell’uomo e dell’intera esistenza.

Per sottrarsi a questa condizione di noia esistenziale, l’individuo deve trovare una strada alternativa al tormento della propria soggettività; tale strada trova soprattutto nell’arte, nella morale e nell’ascesi la sua liberazione.

L’arte. È nell’arte che l’uomo si sottrae in parte a questa situazione disperata, sfuggendo al principium individuationis che domina il mondo della rappresentazione, perché l’esperienza estetica si concentra sulle idee, che sono le essenze universali del mondo fenomenico.
Nella contemplazione artistica la conoscenza si libera, perché esce dalla sua condizione di schiava della volontà.

Fondamentale è il ruolo dell’artista. Mentre l’uomo ordinario ha un intelletto ordinario tende ai propositi pratici della vita quotidiana, l’artista si giova di un intelletto più dotato, che:

  • da un lato, gli permette di cogliere le idee nelle cose in maniera più profonda (ispirazione);
  • dall’altro lato, egli ha anche l’abilità di materializzare in un’opera d’arte quello che è riuscito a cogliere e in un modo più vivido, in modo da rendere anche gli altri capaci di sperimentare quello che lui è riuscito a cogliere (espressione).

L’esperienza estetica ha una dimensione edonistica per il piacere temporaneo che offre all’individuo.

Esiste una gerarchia delle arti, a seconda del valore delle idee offerte alla contemplazione (vi è una gerarchia anche delle idee): al grado più basso l’architettura, al più alto la tragedia, che mostra l’inevitabilità della sofferenza e l’inesorabilità del fato. Ma l’arte superiore a tutte è la musica, che non è rappresentazione, quindi non è oggettivazione della volontà, ma è volontà pura: non presenta idee, ma incarna la volontà stessa.

Etica e ascesi. L’uomo trova nella contemplazione estetica una liberazione transitoria e parziale dalla “schiavitù” costituita dalla volontà.
È l’etica ad offrire profonde possibilità di liberazione perché è espressione di una volontà unica che unisce tutti gli esseri viventi. Questo senso dell’unione può frenare l’egoismo dell’uomo, attraverso il sentimento della giustizia, oppure la bontà, quel sentimento di compassione e di carità che ci fa sentire di condividere il destino degli altri e che ci allontana dal dolore immanente nell’animo umano.

Schopenhauer insiste sull’importanza della compassione e sul rispetto per ogni essere vivente con il quale condividiamo il destino, estendendo il principio di carità anche nei riguardi degli animali. Persino le piante, sostiene il filosofo tedesco, patiscono il dolore tra la volontà di vivere e la loro condizione peritura.

L’unico modo per raggiungere una liberazione definitiva dalla volontà e dalle sue conseguenze è quello di abbandonare la volontà di vivere e accedere, così, alla noluntas («non-volontà») che ci porta a vivere il momento della volontà e della rappresentazione in maniera distaccata, in veste di spettattori e non di attori della nostra vita.

La situazione di dolore e insoddisfazione nella quale gli uomini si dibattono incessantemente mostra che la volontà di vivere è l’origine stessa del male e apre la strada alla possibile liberazione da quest’ultima, spingendo l’uomo ad abbandonarla.

Giungiamo così all’ascesi* (il grado più alto dell’etica), che è la ripugnanza totale per la stessa volontà, la negazione del corpo, la castità assoluta, l’interruzione quindi del ciclo vitale.

Con il sacrificio della volontà sono soppressi anche i fenomeni collaterali: se non c’è più volontà, non c’è più rappresentazione, quindi non c’è più mondo.
Non resta dunque che il nulla, anche se il nulla va affrontato a viso aperto: per coloro che sono ancora spinti dalla volontà, ciò che resta dopo la sua totale soppressione è il vero e assoluto nulla. Viceversa, per coloro in cui la volontà si è convertita e soppressa, «è solo il mondo reale, con tutti i suoi soli e le sue vie lattee, ad essere il nulla». 

La negazione della volontà non sfocia mai, in Schopenhauer, nel suicidio. Tale forma di autodistruzione costituirebbe infatti una resa individuale del singolo che rinuncia alla vita non per sopprimere la volontà, ma bensì per rifiutare le particolari condizioni esistenziali che gli sono toccate in sorte.

Accedi

[mepr-login-form use_redirect="true"]

Registrati

Accedi o Registrati

Il Manuale di Sopravvivenza alla Maturità 2024

Sta per arrivare il manuale che ha aiutato decine di migliaia di maturandi.

Iscriviti alla lista d’attesa per sapere quando sarà disponibile.